Anch’Io Scalo Una Marcia.... o Forse Due...

“Qualsiasi cosa tu faccia sarà insignificante, ma è molto importante che tu la faccia.”
{M. Gandhi}

                                    Maggiolino porta fiori inspirebohemia




Vi ho già raccontato di quanto sia cambiata la mia esistenza negli ultimi 12 mesi, di come sia nato un gioco tra  “il me che sopravviveva” e “il me che vive e sente”. Si tratta di una specie di sfida interiore che mi porta a cercare di essere ogni giorno più buona con l’ ambiente e con tutti, di dare sempre il meglio di me stessa e di non pormi limiti.


Come parte del mio nuovo tenore di vita, il cosiddetto downshifting o lentezza volontaria {se non sapete di cosa sto parlando cliccatemi}, ho dovuto {ma con grande piacere} apportare molti cambiamenti alle mie abitudini tutte.


                                                                  Source: simplysimplicity0.tumblr.com via Alex on Pinterest


Vivere valutando le conseguenze di ogni singola mia azione non è stato sempre facile, non lo è tuttora e mi ci è voluto un pò di tempo per abituarmi ad alcune piccole rinunce.

Eh si, anche se ho smesso di mangiare carne, quando sento l’odore delle costicine scoppiettanti sul BBQ mi viene ancora l’acquolina in bocca. Quando vado in gelateria mi piacerebbe scegliere un gusto bello carico carico di calorie tipo bacio o tiramisù. Invece, avendo fatto la scelta vegan, mi ritrovo a dovermi accontentare dell’unico stramaledetto gusto di gelato fatto col latte di soya!


                                                                                  Source: vividlife.me via Alex on Pinterest



Essere una downshifter significa porsi delle domande e cercare delle risposte VERE {invece di credere ciecamente a tutto ciò che ci hanno insegnato o sentiamo per televisione}.  Significa mettere in dubbio i propri credo e farsi un’opinione che sia stata scelta da noi.

Essere una downshifter significa prendere atto del fatto che probabilmente, non tutto ciò che ho fatto fino ad oggi fa bene al mio ambiente.



vita semplice decrescita
            La Terra siamo Noi  blurredhistory


Significa cercare delle alternative meno dannose per l’uomo, gli animali e la biodiversitá che mi circonda.

Significa preferire prodotti naturali, conoscerne la provenienza e sapere quante risorse sono state impiegate {e spesso sprecate} per farli arrivare nelle mie avide manine e quanti danni la loro produzione ha causato.


Photobucket



E proprio in rispetto di questi danni che ho causato all’ambiente IN PRIMA PERSONA, io scelgo di non acquistare prodotti che potrei usare una volta sola {i cosiddetti usa e getta} perchè il sacrificio fatto dal mio pianeta per me e l’insozzamento causato da me e le mie scelte egoistiche non siano stati vani.

La cosa strana è che quando ho iniziato a pensarci, mi sono accorta che era tutto collegato, che non importava come gli antropologi chiamassero il mio modo di stare al mondo.  Il rispetto per l’ambiente è collegato al rispetto per gli animali, al veganismo, alla lotta alla vivisezione, all’utilizzo di prodotti non testati sugli animali e privi di additivi chimici e quindi alle scelte naturali, e quindi all’auto produzione, e quindi al riciclo! Era tutto collegato ed io non me ne ero mai accorta!

Non appartengo a nessuna particolare scuola di pensiero, queste sono tutte scelte che ho fatto io, e che continuo a fare col mio cervello, usando la logica ed anche il cuore.


 vita semplice decrescita  madre terra rispetto per la natura ambiente vegan



Un esempio? Amo gli animali. “Bella li” mi direte. Tutti amano gli animali...
Si, ma io amo accarezzare il mio gatto come decido di non spiaccicare la zanzara pronta a beccarmi {e qui mio fratello si farà una grassa grossa risata!}, lo scarafaggio che mi passa tra i piedi non lo schiaccio, il ragnetto che mi terrorizza {sono un’aracnofobica doc} lo accompagno delicatamente in giardino. Lo fate anche voi?


“C’è molta verità nel detto che l’uomo diventa ciò che mangia.
Più grossolano è il cibo, più grossolano sarà il corpo.”
{M. Gandhi}


Eppure gli animali sono tutti uguali: come tutti noi {o quasi...} sono dotati di un cervello, un cuore e un’anima e nella prossima vita potremmo proprio reincarnarci in un lombrico se non stiamo attenti a come ci comportiamo in questa vita! 

E probailmente verremo schiacciati dalle ditina appiccicose di qualche bimbetto pescatore, il quale nella prossima vita verrà probabilmente spiaccicato lui stesso al fine di imparare la lezione.

Il mondo va così. Per chi ne è cosciente e per chi no. La regola del “causa ed effetto” non ammette ignoranza. Il Karma non ha un volto materno come molti sprovveduti sperano, ma è giusto, soppesa e giudica senza cattiveria o malizia alcuna.
E purtroppo per alcuni di noi ha una memoria infinita....


Non intendevo uscire dal tracciato. Voglio solo far passare un messaggio, il mio messaggio. Ognuno è responsabile delle proprie azioni, siano esse buone o cattive. C’è sempre tempo per rimediare agli errori passati e prima iniziamo a comportarci bene e prima ci sentiremo meglio, in un tutt’uno con l’Universo che ci ha accolto.

BETTER LATE THAN NEVER...


 madre terra rispetto natura animali ambiente
                  Madre Natura enlightenyourday


“Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”
{M. Gandhi}

20 commenti :

  1. Il modo migliore per iniziare la giornata è leggere le tue parole e continuare a credere a dispetto del cinismo che ci circonda, che c'è ancora qualcuno che lotta per i propri ideali.
    A presto
    Maddalena

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post. Anch'io sono per il rispetto della natura e delle sue creature.

    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senti ma... non e' che siamo vicine di casa????

      Ho visto le tue foto del parco fluviale!!!

      Elimina
  3. Bellissimo post, si sente che ci credi veramente e che ti stai impegnando per questo combiamento!
    ti ammiro molto!
    n grnadissimo abbraccio e continua così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie CF per le tue parole e per quello che fai ogni giorno per educare tutti al riciclo creativo!

      Spero vorrai partecipare al giveaway con qualche tuo tutorial o ideuzza per bambini.

      Grazie a te ho anche scoperto il blog http://vitaminagioco.blogspot.it e te ne sono grata!

      Un baciotto!
      Alex

      Elimina
  4. Che bello questo post,ance io negli ultimi anni mi sono resa conto di tante cose,cerco di usare prodotti non testati sugli animali,ho smesso di usare piatti e bicchieri di plastica(che prima usavo tanto)e ho eliminato quasi del tutto la carne e altri piccoli cambiamenti.Ance io se trovo un ragno,o altro in casa lo metto fuori senza ucciderlo,però la zanzara la schiaccio senza pentimento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma noooooo, poverina.... io al massimo la soffio via....poi basta un po' di citronella per tenerle distanti.... ed e' naturale!

      Elimina
    2. hai ragione,ma è orrendo l'odore della citronella!!

      Elimina
  5. Ciao Alex che bello questo post.è vero che non dovremmo disperare e che invece dovremmo diffondere senza paura e vergogna ciò in cui crediamo e che pensiamo sia giusto.ed è difficile in questo mondo in cui viviamo e a volte ancora di più nel paese in cui ci troviamo dove è pazzia non usare la macchina per spostarsi in città,comprare nel negozietto sotto casa invece che al centro commerciale,e tutte le altre scelte che aiutino a rispettare il pianeta,gli animali e gli altri.non siamo ancora perfetti nelle scelte e forse non lo saremo mai ma ci crediamo e nel nostro piccolo ci impegnamo.bello trovare chi pensa come noi.(scusa un commento un pò lunghino :( ) Un abbraccio.
    Niki

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, c'e' tanta gente pigra al mondo!
      Avendo vissuto sia a Londra che a Dublino che a Barcellona, ho sempre scelto di fare la mia spesetta giornalmente, comprando cibi freschi {che le ricette vengono anche meglio!} e da negozi piccolini, anche se i super piu' riforniti non mancavano!

      Meglio aver a che fare con i piccoli negozianti che conoscono i loro fornitori, magari da 20 anni, rispetto ad una super o iper mercato dove sei solo un numero, uno dei tanti clienti e dove i commessi non hanno la piu' pallida idea della provenienza dei prodotti in vendita!

      Adoro i commenti lunghi!

      Elimina
  6. Un bellissimo post come sempre, è un piacere vedere che ci sono altre persone che si fanno domande sull'ambiente e sul pianeta :)
    Bene anch'io sono aracnofobica ( ma davvero davvero tanto) e non sono ancora arrivata al tuo livello, mi limito a urlare al povero alan, o a mia mamma, di correre perchè c'è un grosso ragno (e da lui sui monti sono enormi :s, ma anche qui non scherzano, sul mio balcone ho una piccola colonia di "adorabili" ragnetti neri.Non so di dove sei tu ma qui in Trentino tra montagne e campagna ne ho visti di tutti i colori) e loro provvedono a metterlo al sicuro dalle mie urla :) Sono contenta di sentire che non schiacci nessun animaletto, ieri ho spostato una lumachina dal marciapiedi e quando lo racconto mi prendono per matta :)
    Sono passata dal blog di Francesca (bellissimo) a lasciare un bel commento :)
    Passa ogni tanto da me, c'è qualche post nuovo :)
    Ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si, sei normale! O almeno sei normale quanto me!!!

      Anch'io lo faccio, spostare gli animaletti dalla strada intendo. Un paio di volte mi sono anche buttata in mezzo alla strada per non far investire un gatto e mi sono "ammazzata" due volte per non investire io stessa un animale.

      Una volta con lo scooter ho tirato una frenata che il motorino di 98 chili si e' inpuntato {cioe' impennato ma con la ruota dietro} per non prendere sotto un gattino nero, mentre a Londra, in giro in bici, di notte, sotto la neve e in discesa {che mix catastrofico!} mi sono incappellata {scusa la volgarita'} per non investire una volpe che stava attraversando la strada.

      Mannaggia a lei!!! Certi ematomi viola e verdi per due settimane!!!

      Per combattere la mia aracnofobia, mi sono convinta che la paura non esiste.

      Una volta ero come te, l'urlo era sovrumano e irrefrenabile. Ora mi fermo a guardarli per 10 minuti alla volta, fino a che non mi calmo e smetto di sentire lo schifo e i brividi sullo stomaco. Provaci, magari inizia a guardarli a distanza... funziona al 100%.

      Elimina
    2. Ahahahahahah che carini i tuoi racconti :) Non sono l'unica che fa cose strane..insomma poi strane mica per me.. per gli altri :) Si pure qui è facile imbattersi in animaletti che ti tagliano la strada.. ne so qualcosa.. Alan si è beccato pure il cervo in mezzo alla strada e mio padre sulla ciclabile :)
      per i ragni ci proverò.. ma ci sono quelli giganti pelosi sui monti che ti terrorizzano.. brrr .. è l'unica cosa che mi terrorizza ( oltre all'altezza.. ).

      Elimina
  7. Interessante il tuo articolo. Mi piace la foto del maggiolino stracolmo di fiori e la prima frase. Ciao

    RispondiElimina
  8. Ognuno fa le scelte che può e che riesce a fare...

    RispondiElimina
  9. Innanzitutto, piacere di conoscerti!
    Sono sempre più convinta che dobbiamo diventare sempre più consapevoli di qualsiasi seppur piccolo gesto.
    Quindi apprezzo molto questa tua scelta di vita e verrò spesso a trovarti.
    Un caro saluto,
    Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lara, il piacere e' tutto mio....

      Mi piace il tuo blog, c'ho "perso" mezzora a leggere aforismi e proverbi, ma ci ho trovato anche moltissimo d'altro!

      Elimina