Il Mio Modo Ecologico di Lavare i Piatti


Ora vi metterete a ridere perché questo post è leggermente off-topic rispetto al normale ma se voglio rispettare la mia tagline Crafts, Mixed Media & Vegan Lifestyle devo cominciare di nuovo a scrivere di argomenti vegan come facevo in passato.

Stavo lavando i piatti e mi è venuto in mente il tema di quest’articolo: Il Mio Modo Ecologico di Lavare i Piatti… certo, perché mica tutti laviamo i piatti tutti allo stesso modo, sapete?


Per esempio Jeanette, la nonna dei bimbi dei quali mi prendevo cura come au-pair a Londra non li sciacquava nemmeno, no no. Una bella insaponata e poi viaaaaaaaaa sulla griglia a lasciar colare giù la schiuma prima di asciugarli {della serie “Ti aiuto? Tu insaponi e io sciacquo?” e lei, passandomi un cannovaccio  “Certo cara, io insapono e tu asciughi”}. Non vi dico come  bruciava il detersivo  in gola…

Benoit invece, il ragazzo francese che ha avuto la sfortuna di vivere con me a Dublino non usava neanche il detersivo. Specialmente quando mangiava il tonno in lattina o il foie gras. Per qualche motivo, continuava ad offrirmi con insistenza questo fegato grasso spalmabile nonostante gli avessi detto che ingozzare a forza le anatre prima di bollirle vive fosse a mio avviso un abominio.


Per mia grande gioia, il caro Benoit preferiva sciacquare i piatti con sola acqua fredda prima di asciugarli usando gli strofinacci ricamati della dote di matrimonio di mia mamma {che oltretutto erano lì appesi “per bellezza”, per le faccende di casa usavo quelli con gli sponsor delle birre che mi ero fregata nel pub inglese dove lavoravo prima del trasloco da un’isola all’altra.}


E poi c’è mio padre, esemplare di sesso maschile di mezza età passato direttamente dal grembo di mamma chioccia a quello di moglie chioccia e  che non ha mai dovuto lavare un piatto in vita sua. Ed è proprio per questo che gli fa lo stesso mettere in ammollo i bicchieri e le posate nella pentola nella quale è stato cotto il sugo di pomodoro.

Perché tanto non tocca mica a lui sgrassare i bicchieri che potevano essere puliti in 30 secondi e che adesso hanno più riflessi loro che un arcobaleno e una bolla di sapone  convolati a nozze.

Bubble


Comunque, sto andando off-topic in un articolo off-topic. Ma è possibile?



Come lavo i piatti? Se da una parte sfrutto le ultime tecnologie in fatto di  detersivi ecologici usando i detergenti Verdevero che Giulia mi ha gentilmente inviato da testare, dall’altra mi appoggio a ciò che passa il convento.

Ieri per esempio, i carnivori di casa, cane incluso, hanno consumato pasta al ragù e pollo alla pizzaiola mentre io mi sono accontentata di un sostanzioso piattone di legumi misti e insalatina del nostro orticello. 

Il mio piatto si lava in un momento. Le loro pentole? Un disastro!
Quando c’è di mezzo il sugo, burro e olii vari, io uso la posa del caffé. E visto che da me si bevono 20 caffé al giorno, i fondi di caffé non mancano mai!

coffee-stain-textures-500x375

Basta metterne un paio di cucchiai dentro ad ogni pentola e passarci la posa dentro e sui bordi interni usando le mani come fareste con una spugna imbevuta di detersivo.

La posa ha la capacità di assorbire l’unto in un battibaleno e di diventare una poltiglia che va poi gettata nei rifiuti umidi. La pentola si sciacqua e gli si da una seconda passata col detergente, solo che non serve nè grattare nè acqua tanto calda e basta un quarto del sapone e del tempo.



Un altro trucchetto che ho imparato online è quello di usare l’acqua di scolatura per lavare i piatti. Si si, proprio l’acqua nella quale avete cotto la pasta. Noi la conserviamo e la riutilizziamo.

Ieri però l’ho usata per riempire due pentoline unte di sughi vari e metterle sul fuoco per un minuto circa prima di scrostare via i resti di sugo e usare il detergente come al solito.


Mio padre mi guardava come se stessi facendo i giochi di prestigio o gli avessi appena rivelato di essere la cugina di Clark Kent. Si vede che frequenta poco la cucina perché questo è il mio modo ecologico che uso tutti i giorni per lavare i piatti.

Mi faccio semplicemente aiutare dalla forza pulente dell’acqua calda, dell’acqua di cottura e dalla posa del caffé. Consumo molto meno sapone {che ricordiamocelo, inquina i mari dove poi andiamo a nuotare} di mia mamma e anche molta meno acqua visto che tengo il flusso dell’acqua  aperto ‘quanto basta’ e non al massimo.  

E ricordatevi di usare solo la giusta dose di detersivo e che il surplus fa solo più schiuma {non lava nè meglio nè prima, anzi…}.




E voi? Avete qualche consiglio ecologico per farci risparmiare tempo, fatica e sapone che volete condividere con noi? Sono tutta orecchie!

Per approfondire leggete anche:

Il  Detersivo Ecologico Costa Meno degli Altri  {su VerdeVero.it}

20 Usi Alternativi per il Caffe' {su Green Me}

Come Lavare Cosa {su Detersivi Bio Allegri}




Image courtesy of freestockimages.org and dannybell.com

62 commenti :

  1. buongiorno Alex! Sarà anche off-topic questo articolo, ma mi hai fatto sghignazzare ben bene! Che di prima mattina non guasta mai!
    Io uso la lavastoviglie... abominio?!?! Non so! Comunque non posso esserti di aiuto! Ma sono tutta orecchi anche io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eugenia, anch'io uso la lavastoviglie quando c'e' veramente tanta roba da lavare. Pero' il trucchetto della posa lo uso anche per pre-trattare le pentole prima della lavastoglie quindi potresti provare anche tu....

      Felice di averti strappato un sorriso con le mie disavventure...

      Firmato 'la cugina di Clark Kent'

      Elimina
  2. Ahahahahahah io sono di origini francesi e quindi lavo i piatti in un modo che fa orripilare gli italiani, però lo ritengo abbastanza ecologico.
    riempio una vaschetta di acqua bollente e pochissimo detersivo, lavo nell'ordine, bicchieri, piatti pentole e posate e sciacquo nell'altra vaschetta dove ho messo il tappo. Quindi i bicchieri vengono sciacquati sotto l'acqua corrente, ma il resto sfrutta l'acqua che si è raccolta nella vaschetta.
    Alla fine utilizzo entrambe le acque per pulire i piani della cucina. Voilà!
    (anche mio zio, usa il sistema di Benoit ahahahahah)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eli, anche tu conosci un Benoit? Immagino che non fosse l'unico che lava l'olio con l'acqua fredda...

      Il tuo mi sembra un ottimo metodo e a volte l'ho usato anch'io. Si risparmia un sacco d'acqua!

      Elimina
  3. Ciao Alex, che bel post...divertente ma anche utilissimo!! I fondi di caffè ho imparato ad usarli dalla mia mamma, che li adoperava per un sacco di cose e poi li gettava nel compost (che allora non si chiamava così ma si faceva in quasi tutte le famiglie! ) L'acqua di cottura della pasta invece l'ho scoperta per caso in campeggio: scolavo la pasta e raccoglievo l'acqua calda in un secchio in cui si mettevano i piatti e le posate in ammollo...e tutto si puliva benissimo ( e i maschietti di casa lavavano a turno! ) Sempre in campeggio ho notato che inglesi e olandesi lavavano e poi asciugavano tutto senza sciacquare...forse per risparmiare acqua?!..mah!
    Oggi uso la lavastoviglie solo a pieno carico, le cose spicciole le lavo subito e spesso non c'è nemmeno bisogno di detersivo...acqua calda, bicarbonato e aceto sgrassano e deodorano benissimo, e poi ho imparato a farmi il detergente al limone in casa e va benissimo (limoni, acqua, sale e aceto)...anche per la lavastoviglie!
    Buona giornata!!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma e' vero che l'acqua della pasta pulisce benissimo! Beato campeggio, si imparano un sacco di cose!

      Ho visto il tuo pin sul detergente al limone e l'ho condiviso. Bello avere tutta sta roba in comune, non trovi?

      Elimina
  4. Quella del caffè non la sapevo e non vedo l'ora di provare!

    RispondiElimina
  5. se tutti usassero questi accorgimenti che bel mondo sarebbe, confermo tutto ma la storia dei fondi di caffè non la sapevo ;) Alex più vegan che puoi!

    RispondiElimina
  6. direi che le nostre tecniche di lavaggio piatti si equivalgono (a parte il fatto che qui da noi abbiamo i "turni" per il lavaggio e quindi ci distribuiamo il lavoro equamente) un suggerimento che mi viene da darvi è di mettere il detersivo in un erogatore (riciclato) a pulsante in modo da avere la certezza di non usarne troppo neanche per sbaglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Dani, hai ragione, questo gia' lo facciamo, erogatore del sapone per le mani riciclato a go-go!

      Elimina
  7. Ha! Che risate l'inizio di questo post! Posso immaginarti in quelle situazioni! Haha!
    Ma per "posa" vuoi dire i fondi del caffè? E' nuova per me questa tecnica! Quella dell'acqua della pasta sapevo, ma non lo faccio mai perché lavo i piatti sempre molto tempo dopo aver cucinato e lasciare l'acqua in giro in cucina è molto pericoloso a casa nostra (soprattutto causa bimbo combinaguai), e poi mi sembra comunque uno spreco dover riscaldarla, ma forse alla fine conviene. Ci devo riprovare, grazie per avermelo ricordato! Ho provato pure quella ricetta che si vede tanto in giro, facendo un detersivo con il frullatore e cuocendolo con aceto, limoni e sale, ma per me non ha funzionato tanto bene a mano e malissimo in lavastoviglie. :) Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa, in effetti riutilizzare l'acqua della pasta per lavare i piatti non e' uno spreco solo se li lavi subito dopo aver pranzato, quando e' ancora tiepida bastano 30 secondi sul fuoco e via...

      Cos'e' sta roba del frullatore? Sai che sta ricetta me la sono persa?

      Elimina
    2. Impossibile che l'abbia persa! L'ho visto un sacco di volte in giro, ma ecco uno dei post.

      Elimina
  8. Alex mi hai fatto proprio divertire con questo post!! Prima che arrivasse il mio cucciolotto lavavo sempre a mano riempendo una vasca del lavello con acqua e detersivo (ecologico!) e sciacquando nell'altra, come ha detto Ely. Adesso invece uso solo la lavastoviglie a pieno carico perché è un metodo più veloce e con il pupo che ne combina sempre una di nuova, è una benedizione!! Ma mi hai dato una bella dritta con i fondi di caffè, ci proverò! Nel frattempo ti mando un bacione e ... Salutami il tuo Super cugino allora hi hi^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio super cugino e' anche un bel figo, vero? Un giorno se vuoi te lo presento!

      Elimina
  9. Io uso la lavastoviglie, ma taglio la tab a metà come mi ha insegnato un tecnico che lavora nel settore.
    Una intera è troppa e non serve a nulla, anzi, a volte "sporca" e il risultato si vede sui bicchieri (ovvio che non si può fare se si usano quelle morbidine piene di liquido).

    Grazie per la ditta dei fondi di caffè.. io li uso per i vetri, non avevo mai pensato all'unto delle pentole.

    L'acqua della pasta lo sapevo, si! Me lo ha sempre detto l amia mamma fin da piccola ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco vedi? Ci scambiamo i consigli sulle pulizie come delle brave massaie! Sabri, grazie per la dritta del caffe' per i vetri, io di solito uso acqua calda spruzzata direttamente sui vetri e asciugo con la carta delle riviste o del quotidiano.

      Elimina
  10. grazie per le risate, intanto, Alex!!!
    Qui era fiato sprecato dire che i bicchieri NON vanno appoggiati in mezzo ad una pentola nella quale c'è l'acqua (ormai tiepida) della scolatura della pasta! Ma sono bastati 3 mesi di lavastoviglie rotta (nei quali NON ho voluto chiamare nessun tecnico per far "provare con mano" ai miei maschi cosa vuol dire Lavare con testa (!) ) perché adesso scolino loro l'acqua della pasta in una bacinella e poi la trasferiscano nella pentola SENZA aggiungere i bicchieri!!! DETERSIVO: in un contenitore a pulsante uso quello fatto con gli scarti di frutta. La POSA ...va alla grande da quando 2 dei 4 maschi hanno adottato la PALEO dieta!!!!!!!!!!! (ne scriverò in un post perché è interessante sapere che esiste anche questa "corrente di pensiero")
    E ora ti saluto e vado ...a lavare =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! Sono curiosa... com'è questo detersivo fatto con scarti di frutta? un abbraccio! Lisa

      Elimina
    2. Si, anch'io sono curiosissima!!

      Elimina
    3. E sono cuuriosa anche su cosa sia la paleo dieta...

      Elimina
    4. Lo so che non sono Silvia, ma mi intrometto. Con la dieta paleo si mangia quello che mangiavano i nostri avi, l'uomo preistorico. Infatti si chiama anche la dieta delle caverne. Non è certo roba per noi veggies, Alex, perché si mangia parecchia carne, ma ne sento spesso parlare molto bene.

      Elimina
    5. Ciao Lisa, immaginavo che fosse qualche schifezza del genere.. ci mancano anche i dietologi che consigliano diete a base di carne... mannaggia a loro!

      Comunque, qualche anno fa, prima di diventare veg, anch'io ho fatto una dieta super proteica a punti. I pomodori valevano 5 punti e la carne 2 o 3 e potevi mangiare solo 11 punti al giorno.

      Mi sono abbuffata si carne, bistecche, sausages, bacon e salame italiano e in 1 mese ho perso 15 chili. Poi PERO' mi hanno ricoverato all'ospedale perche' mi sono venuti i calcoli ai reni... da quanto fa bene la carne!

      Elimina
  11. Io uso l'acqua di cottura della pasta quando la cucino (raramente...). Sapevo dei fondi di caffè, ma non bevendolo mai a casa non posso usare questo metodo (dovrei fare il caffè apposta!!). Per ora sto cercando di finire la scorta di detersivo per passare ad uno completamente biodegradabile. Bello il post, l'argomento era molto interessante!

    RispondiElimina
  12. Quella del caffè non la sapevo ma per me è del tutto initile perchè a casa mia il caffè si fà raramente.Però si beve the e anche i resti del limoni spremuto sono perfetti per sgrassare i piatti.Li uso sempre.Detersivo uso quello ecologico e ne metto poco,ma l'acqua la uso bollente!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Kilara, detersivi ecologici o autoprodotti forever! E vai di limone anche nella lavastoviglie!

      Elimina
  13. Ciao, anch'io uso l'acqua della pasta o delle verdure bollite... per scostrare lascio delle ore acqua (sempre della pasta scolata) o metto dell'aceto.Io però non lavo mettendo il detersivo nella vascha d'acqua...lo metto sulla spugna e così ne consumo pochissimo. Per togliere il grasso dai piatti o pentole dei miei familiari carnivori passo i tovaglioli di carta usati a tavola(due per 4di noi perchè li faccio a metà).Proverò anche i fondi di caffè uno al giorno di mia mamma e orzoro che bevo io.Grazie dello spunto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo che ho detto su, lo faccio quando lavo a mano e per le cose che non possono andare in lavastoviglie(usata solo stracarica e con metà della dose di detersivo consigliata)ma anche per pretrattare usando la lavastoviglie.

      Elimina
    2. Ottimi consigli Stefania! Se tutti facessero come noi, usare le salviette sporche dal pranzo e mettesse il detergente direttamente sulla spugna, i mari e gli oceani sarebbero molto meno inquinati!

      anch'io uso meta' tab per la lavastoviglie!

      Elimina
  14. Ciao Alex, quella dell'acqua della pasta da piccola mamma lo faceva sempre! Poi è arrivata miss lavastoviglie e l'acqua la usa solo per le pentole che non ce le mette. Quella della pastiglia a metà non la sapevo, e nemmeno questa dei fondi di caffè... li proverò, se me lo ricordo, e poi vi farò sapere! Grazie, Dani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora aspettiamo di sentire cosa ne pensi!

      Elimina
  15. Mi hai fatto morire dal ridere nella prima parte...cmq il metodo "caffè" non lo conoscevo, mentre l'acqua calda della pasta e lo stare attenta al consumo di acqua e detersivo lo faccio anche io. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  16. Ciao, sono passata per caso e già ti adoro!!
    Io comunque il caffè, la polvere, lo uso per eliminare la puzza di pesce o di uovo dai piatti e ...dalle mie mani, e funziona benissimo.
    Non passare dai miei blog perchè sono una schifezza, ma conto di renderli fantastici entro la fine dell'estate, grazie ai tuoi consigli!!!
    BACIIIIIIII

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahah Ramona, come fai a dirmi di non passare da te? Adesso passo subito!

      Elimina
  17. Beh, vivendo con un uomo abituato a non far nulla in casa, sono costretta a far tutto da sola...grgrgrgrgr
    Per i piatti ho risolto con la lavastoviglie...ma ovviamente una sgrassatella va fatta comunque! L'acqua calda di cottura la uso spesso e mi ci trovo benissimo. Quello che non ho mai provato (e mai sentito fino ad ora) sono i fondi di caffè...non mancherà occasione!
    D'altronde sono abbastanza attenta alle eco pulizie:
    - per lavare i pavimenti utilizzo acqua calda, aceto (con alle volte l'aggiunta di alcol), qualche goccia di olio essenziale di tea tree oil (che è altamente disinfettante) e di lavanda (per ottenere una profumazione gradevole)
    - per la lavatrice ho acquistato le noci saponarie, a cui aggiungo il percarbonato di sodio (per smacchiare e sbiancare) ed i soliti olii essenziali
    - fornelli, piano cottura, vetri, piastrelle...? Acqua calda e aceto!
    - per pulire il forno, invece, non ho ancora trovato prodotti adatti: ho provato con bicarbonato, sale, aceto, ma il risultato non mi ha soddisfatt granchè :-/

    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fraaua, posso chiederti perche' usi l'alcol per lavare i pavimenti?

      Acqua e aceto e' la miglior soluzione per quasi tutte le superfici, sono contenta che tante di voi usino prodotti ecocompatibili!

      Elimina
    2. l'acol disinfetta e lucida che è una meraviglia :-)

      Elimina
  18. I fondi di caffè mi mancavano! Io son partita nel lontano xxx dai (non so se posso nominarli, quindi te li scrivo storpiati) "detersivi biologici e molto felici" quando ancora giravano liberi in pdf, ma confesso di essere un tantino incostante :( ! Ora uso la lavastoviglie solo a strapieno carico e con solo un mix di polveri igienizzanti di percarbonato di sodio e acido citrico (aceto no, ho seguito un corso tenuto dai produttori del detersivo ecologico che uso e dicevano che aceto è da evitare perchè a contatto con metallo di lavastoviglie, pentole e lavello sviluppa nichel allergizzante!) Prima di metterli in lavastoviglie i piatti molto unti li lascio in ammollo (dopo averli puliti con i tovaglioli di carta già usati...sto tentando di passare a quelli di stoffa ma è un vizio duro a morire!), in acqua caldissima e con pochissimo detersivo, in uno dei due lavelli (e sono pigra anche qui, l'acqua della pasta non la uso mai, buuuu a me!) così posso usare il ciclo ecologico. Di fatto la lavastoviglie mi serve quasi più come risciacquo e scolapiatti. Quando lavo a mano (pentole soprattutto), riempio invece una bacinellina di acqua e poco detersivo ecologico o di fornitura del G.A.S. cui sono iscritta oppure uno che trovo al Super, meno eco, ma comunque meno tossico di quelli "tradizionali", e immergo la spugnetta lì, poi passo e infine sciacquo...il detersivo così dura un sacco e man mano che puccio aumentano le bollicine e l'effetto lavante. Proverò assolutamente il caffè! Ce la farò un giorno a risponderti telegrafica? Mai! Grazie e a presto!!! Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, ma guarda che sta roba delle salviette di carta e' dura a morire.. io per esempio continuo a chiedere a mia mamma di smettere di comprare i rotoloni ma non c'e' verso!

      Inoltre compra i rotoli con gli strappi abbastanza larghi. Io ne taglio uno in 2 per me e mia mamma ma gli uomini di casa necessitano di uno strappo intero {come se avessero la bocca grande il doppio della nostra!}.

      Adoro i tuoi commenti! Vedo che non sono l'unica a mancare del dono della sintesi!!

      Elimina
  19. Oh Alex! Era un po' di tempo che pensavo a quanti usi poter fare dei fondi di caffè, fino ad ora l'ho usato per le piante in vaso e per i disegni che vengono fatti sulla strada per l'Infiorata del mio paese (magari ti faccio vedere qualche foto), mi ero comunque ripromessa di andare a cercare qualcosa sul web, con questa scusa approfitto delle tue indicazioni.
    Riguardo al lavaggio dei piatti anch'io uso l'acqua di cottura della pasta per sgrassare ma il detersivo ammetto che mi piace abbondante, perdonami ti prego, l'acqua però la chiudo tra un risciacquo e l'altro. Non appena compro casa mi munisco di lavastoviglie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si Cinzia! Voglio vedere le foto dell'infiorata, sono curiosissimma!

      Elimina
  20. Ciao Alex, io uso la lavastoviglie ben piena. Sapevo dell'acqua di cottura ma non dei fondi di caffè. Grazie. Proverò. =)
    Daniela

    RispondiElimina
  21. RI-CIAO Alex! Abbi pazienza e ti spiegherò meglio (quella che hai fatto tu non è una paleo-dieta)ma qui è un po' lungo scrivere quello che sta studiando e approfondendo uno dei miei figli e che sta seguendo anche l'altro. A tra poco =)

    RispondiElimina
  22. Posso dire che odio lavare i piatti? Soprattutto perchè per anni l'ho fatto in una casa di riposo, pranzo e cena...
    Ma usare i fondi del caffè per farlo mi mancava proprio.
    Io divido a metà il flacone di detersivo e poi riempio con aceto rosso. Lo uso direttamente sulla spugna, senza metterlo nell'acqua caldissima. Lavo prima i bicchieri che sciacquo mentre riempio il lavandino perchè ho notato che solo così non mi rimangono aloni e macchie.

    RispondiElimina
  23. ....ahahahah!!! Anche la mia landlady a Londra insaponava e non sciacquava e quando lei non vedeva io andavo a sciacquarli!!!
    Quella dei fondi si caffè non la sapevo...terrò presente!!!

    Baciuzzz!!!

    RispondiElimina
  24. bello questo scambio di informazioni. io uso la lavastoviglie ma solo traboccante di carico stando attenda alla sistemazione delle stoviglie, che possano tutte essere ben raggiunte dall'acqua, controllo le pale che non urtino, ma tutti i giorni passo rapidamente piatti e pentolame con detersivo ecologico direttamente nella spugnetta, se ne consuma molto meno,poi un rapito risciacquo al volo e metto in lavastoviglie anche per 2 giorni o più. accumulo tutto.non puzzano, la lavastoviglie è sempre uno splendore, non uso nessun sgrassante e non si guasta perchè tubi e filtro rimangono puliti essendo già andato via il grasso. a lungo andare risparmio sull'acquisto di una nuova lavastoviglie,i bicchieri li metto dentro senza sciacquati le tazze del latte le sciacquo che se no puzzano. i fondi del caffè sono ottimi per sfregare dove si cucina pesce o uovo o se si incrosta la piastra di ghisa. l'aceto è un anticalcare ottimo per pulire la brocca dell'acqua e i vasi per fiori,attenzione a non lavare il marmo con l'aceto o con altri anticalcare, si macchia e diventa opaco, mentre per il parquet va bene molto diluito. per il marmo va bene l'alcol diluito.

    RispondiElimina
  25. errori di ortografia gravissimi...fate finta di non vedere! aggiungo che metto la lavastoviglie al minimo come temperatura e lavaggio rapido.

    RispondiElimina
  26. ciao Alex. Noi usiamo sempre l'acqua di cottura della pasta ,ma questa cosa dei fondi di caffè non la sapevo. Da provare assolutamente. Da noi c'è un grande consumo anche di aceto e bicarbonato.

    Posso invitarti allo Swap che ho appena lanciato?
    Mi farebbe molto piacere! Se ti va, ti aspetto! :-)

    http://giokaconleo.blogspot.it/2013/06/1st-swap-party-di-gioka-con-leo.html

    RispondiElimina
  27. L'acqua dei piatti la uso anch'io per l'ammollo, ma il caffè mi mancava, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo di non essere l'unica ad avere avuto il problema con photobucket!

      Elimina
  28. Ciao. Se li lavo a mano uso il detersivo ecologico alla spina del Mille Bolle, ma la maggior parte delle volte si va di lavatrice, rigorosamente di notte!
    Anche mia mamma mi racconta sempre che quando faceva la ragazza alla pari a Londra (anni '60) non si sciacquavano i piatti dal detersivo, ma quando i padroni di casa uscivano e lei rimaneva sola con le bambine andava in cucina e risciacquava tutto!
    Besos
    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ste, povera la tua mamma.. per fortuna la nonna dei bimbi e' stata con me solo per 2 settimane quando la mia famiglia inglese era in vacanza!

      Per il resto dell'anno trascorso con loro.. tutto bene, la mia landlady era vegetariana e usava la lavastoviglie...

      Elimina
  29. ho capito quando vado a londra se mi invitano a pranzo in casa rifiuto! spero che almeno ai ristoranti li sciacquino! ma poi loro quando mangiano non sentono che il gusto del cibo fa schifo? e non si ammalano per questo continuo ingerire sostanze chimiche?

    RispondiElimina
  30. Ciao cara! Anche io a volte uso l'acqua di cottura della pasta ma i miei metodi bio danno il meglio di loro con le pentole bruciate (sai quando ti distrai per rincorrere una treenne che cerca di distruggere casa capita di dimenticarti qualcosa sul fuoco...): in quei momenti, quando tutti penserebbero di buttare la pentola, arrivo io a fare la magia!
    La riempio d'acqua fredda, aggiungo 2 cucchiai di bicarbonato e la metto sul fuoco a bollire per qualche minuto. Quando comincia a bollire puoi vedere i pezzettini di bruciato cominciare a galleggiare nell'acqua.
    Provaci poi fammi sapere!
    Baci
    Angy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figo! Provero' sicuramente! Io raramente brucio qualcosa perche' preferisco i cibi raw {cioe' non cotti e che mantengono tutte le vitamine} ma mia mamma si... e con la scusa che le fa male il braccio tocca sempre a me grattare via il bruciato. Quindi ti ringrazio per la dritta!

      Bacioni a te e alla principessa treenne!

      Elimina
  31. Anche io uso l'acqua di cottura della pasta: la verso ancora calda sulle pentole più unte e poi è più facile lavarle.
    Buona domenica. Tina

    RispondiElimina
  32. ciao
    io per lavare i piatti uso la lavastoviglie.

    RispondiElimina
  33. Cara Alex mi ricordo quando in Inghilterra inorridivo perchè non sciacquavano i piatti e il té sapeva di detersivo!
    Non sapevo dell'uso caffè ma sicuramente ho usato ed uso l'acqua della scolatura della pasta, è una reminescenza di quando ero piccola e vedevo mia madre che non la buttava. Ma ero io a lavare i piatti!
    grazie dei preziosi consigli che ci dai.
    Un abbraccio
    xxx
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, felice di sapere che quest'avventura inglese ci accomuna! Ti auguro un bellissimo week-end, Alex

      Elimina
  34. proverò anche io! a volte sui piatti io uso il bicarbonato per togliere gli odori residui oppure come impasto (leggermente) abrasivo sulle pentole.

    PS allora quella degli inglesi che non sciacquano i piatti non è una leggenda metropolitana...

    RispondiElimina
  35. Alex un altro aiuto, quando si lessano le patate con la loro buccia, l'acqua di cottura non gettarla e nemmeno le buccie.
    Usale quando sono fredde come concime per le piante ( le bucce) e l'acqua per annaffiare
    ciaoooo
    Ps. presto mi iscrivero!!

    RispondiElimina