Come Mi Sono Avvicinata ai Fiori di Bach + LP 76



Per inaugurare l’inizio di una nuova settimana, voglio raccontarvi dei miei ultimi acquisti in fatto di rimedi naturali da Macrolibrarsi.

La settimana scorsa mi sentivo un pò giù e potete immaginare il perché, e quindi mi sono rivolta ai fiori di Bach ai quali ricorro ormai da una decina d’anni e che non mi hanno deluso nemmeno una volta.


Se non ne avete mai sentito parlare, i fiori di Bach sono dei rimedi floreali che hanno la capacità di armonizzare e riequilibrare determinati disagi emozionali comuni a tutti noi. In pratica, guarendo la mente, il corpo seguirà.


Io li ho scoperti in erboristeria ma si trovano davvero dovunque. All’epoca ero parecchio stressata perché stavo preparando un esame universitario importante e che sapevo a priori sarebbe stato duro da passare poiché avevo avuto alcune discussioni col  docente di Lingua Francese. Come se non bastasse, un ragazzo che avevo frequentato per un paio di mesi si era completamente ossessionato con la mia persona fino a telefonare ai miei genitori per chiedere di me, seguirmi ovunque, incluso al lavoro che svolgevo di sera finendo a volte alle due del mattino e  distruggendomi la Y10 che con tanta fatica stavo pagando a rate.

D'altronde, chi non ha almeno uno stalker tra i suoi ex?

Comunque, ero talmente nervosa che facevo fatica a concentrarmi sia nello studio che nel lavoro e visto che tendo a somatizzare, mi si erano arrossati i palmi delle mani a tal punto che la pelle si staccava e sanguinavano. Uno schifo insomma!

Così sono entrata in un’erboristeria a ho chiesto se avevano qualcosa per il rossore, che ne so, una crema miracolosa che spazzasse via anche il mio prof di francese e il mio ex….


Naturalmente l’omeopata mi ha guardato strano perché come so adesso è inutile curare il sintomo senza mettere mano alla causa scatenante e mi ha chiesto qualche dettaglio su cosa mi rendesse nervosa.

Scegliere il fiore o i fiori più adatti a noi in in determinato momento può rivelarsi complicato. A volta basta toccare tutte e 38 le bottigliette e vedere che effetto ci fanno, altre volte leggendo un libro e facendo un’autodiagnosi ci sembra che ci servano tutti e 38 i fiori.

Io vi consiglio di imparare a conoscere i fiori leggendo almeno un libro sull’argomento o di rivolgervi a un erborista che vi faccia un test completo. Il mio primo libro è stato Guarire con i Fiori di Bach di J. Howard e J. Ramsell e che trovate su Macrolibrarsi a soli €9.99.


Quando sarete più esperti, potrete rispondere anche a dei questionari che si trovano online come il Test dei Fiori di Bach su www.fioridibach.it.




E ora passiamo al nostro linky settimanale. Se avete mai scritto un articolo riguardante i rimedi naturali o medicine alternative, sarei contenta che li aggiungeste al party, altrimenti procedete come al solito coi vostri post migliori delle ultime settimane.

Ora vi lascio andare, non dimenticatevi di lasciarmi qualche post in regalo.











Voi avete mai assunto rimedi naturali come i fiori di Bach? Come vi siete trovate? Buona settimana, Alex


Photo Credits: www.psicoluce.it e cookedheads
 




42 commenti :

  1. mi sa che presto andrò nella mia erboristeria di fiducia e mi farò consigliare...chissà che non facciano buon effetto anche su di me!
    intanto mi iscrivo al Linky Party!
    unabbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che c'e' un fiore per tutti noi! E quindi anche uno per te! E poi e' bello vedere come cambiano i nostri bisogni e vibrazioni nel corso degli anni!

      Buona settimana anche a te, alex

      Elimina
  2. ciao Alex, mi hai fatto tornare alla mente una mia cara coinquilina che usava i fiori di bach e tante tante tisane..quasi quasi ti aggiungo un frammento del mio racconto! "Poi c'era lei...mi piaceva osservarla. Aveva un modo di vedere le cose del tutto singolare. I primi anni ci parlavamo poco. Avevo paura di sembrare invadente e lei era a sua volta sfuggente. Capitava di trovarla in cucina con una scatola piena di bustine colorate di infusi e tisane. Le preparava con gesti quasi rituali coprendo col tappo la tazza per non perderne l'aroma intenso. Io sorridevo pensando che, con la fretta, mi capitava spesso di mettere direttamente l'acqua calda per farmi il te e togliere l'infuso appena l'acqua iniziava a cambiare colore. Lei parlava poco, ma tutto quello che non diceva era ben visibile nel suo viso in base alle curvature che prendevano la sua fronte e i suoi occhi. Piano piano non conoscersi vivendo insieme diventa impossibile, una parte di sè che non si vuole mettere in mostra si cede inevitabilmente all'occhio che osserva e all'orecchio che ascolta. Ero affascinata dal modo profondo e spensierato che stava dietro i suoi pensieri e rimasi senza parole di fronte ad un bellissimo campo di papaveri che finalmente lei mi mostrò, quasi con imbarazzo, come se la bellezza di quel quadro potesse essere annullata dalla sua infondata insicurezza." ecco Alex cosa mi ricordano quei fiori... e spero che così come i loro dolci profumi ogni nodo che incontrerai nella tua strada piano piano si allenti <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow Ale, sei una vera scrittrice, complimenti! Dove si puo' leggere il resto del racconto?

      Elimina
  3. li conosco molto bene.
    Ho iniziato ad utilizzarli dopo il mio secondo aborto spontaneo... puoi ben capire il perchè.
    Mi hanno aiutata Star of Bethelem, Sweet Chestnut e Olive.
    In borsa ho sempre il Rescue Remedy!

    No, non ho mai scritto post su rimedi naturali, ma ti linko un dolce all'uva di raboso che ho preparato sabato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, come ti capisco! Star of Bethlehem e Olive sono miei vecchi amici e il primo lo sto assumendo proprio adesso perche' sto cercando di decidere se tornare stabilmente a Barcellona o riportare le mie cose in Italia.

      Bacione Sabry! alex

      Elimina
  4. Mi interessa molto questo argomento,chissà se la signora dell'erboristeria dove vado ne sà abbastanza!
    Dai almeno quel brutto periodo è servito a farti scoprire questi nuovi rimedi!

    RispondiElimina
  5. Ciao Alex,
    che bello anche questo post! Primo, perchè decidi di condividere con noi parti di te che non conoscevamo (e questo è un dono....Grazie!), poi perchè penso che ci sia ancora molta reticenza sull'uso di "terapie naturali" e tutto quello che le circonda e, a volte, ho l'impressione - da come mi guardano le persone che si rifanno alla medicina tradizionale e credono solo ad essa - che mi considerino alla stregua di chi si rivolge a qualche "santone"! Io personalmente mi curo con quello che ritengo più utile per me "hic et nunc": se ho bisogno, mi rivolgo all'erborista o al naturopata, ma se occorre prendo e non disdegno l'antibiotico....Non so come dirti.....ognuno è un po' medico di se stesso.... Per questo motivo, ti dico, che ai fiori di Bach io sono piuttosto "riconoscente" da quando mi hanno aiutato a curare una "disfunzionalità" (posso chiamarla così?) psicologica ed emotiva della mia bambina permettendole di uscire da un periodo critico in cui vedevamo la sua sofferenza emotiva, ma non il modo con cui contenerla o risolverla. Mi sono rivolta ad un'erborista (secondo me molto preparata...ammetto di essere stata anche fortunata) che le ha saputo parlare e ascoltarla; le ha dato i fiori più adatti che la bambina si è gestita e il disagio è stato superato come non mi sarei aspettata. Sarebbe comunque stato così senza l'aiuto dei fiori? Non lo so e non posso saperlo: io l'ho vista stare meglio perciò posso dire che la mia esperienza è stata positiva.
    Nel frattempo, come sempre, mi sono iscritta al Linky Party!!!!
    Un abbraccio
    Michela di Creareregali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa tanto piacere, cara Michela, sapere che i fiori hanno aiutato la tua bimba a stare meglio! E questo ci fa capire che il famoso 'effetto placebo' non c'entra nulla perche' cosa ne puo' sapere una bambina di tutto cio'?

      Io credo fortemente nella medicina antica, che usa cio' che ci offre la natura e casomai sono gli uomini che pensano di essere dei dio-in-terra e cercano di replicare i principi attivi forniti dalle piante ad andare contro corrente!

      In fondo l'uomo si e' curato da sempre con le piante, anche prima che nascessero la biologia e la chimica e disdegnare le nostre origini non serve a nulla.

      Elimina
  6. Ciao Alex, conosco bene anche io e uso abitualmente i fiori di Bach! Stavo cercando di mettere un post di qualche tempo fa sulla "ricotta" ma non riesco...riprovo più tardi! un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Un felice inizio settimana a Te...ciao

    RispondiElimina
  8. Ciao Alex,
    non conoscevo i fiori di Bach, ma il tuo post mi ha molto incuriosita e ora vorrei saperne di più! Quindi grazie per aver condiviso, ancora una volta, la tua esperienza!
    Mi iscriverò anche al Linky Party...un bacione.

    RispondiElimina
  9. Mi hai incuriosita ,provo ad informarmi se dalle mie parti c'è qualche erboristeria che li vende, grazie per la condivisione.

    RispondiElimina
  10. Io li ho provati una volta ma non mi sono trovata bene. Però mi affido alla fitoterapia spesso, ma anche per certe cose alla medicina tradizionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, affascinante la fitoterapia, non si finisce mai di imparare in quel campo! Mi dispiace che tu non ti sia trovata bene coi fiori, forse era il fiore sbagliato?

      Elimina
  11. Ciao Alex,
    sì io uso da parecchi anni i fiori di Bach, anche per i miei animali. Il mio fiore di sempre....quello che non manca mai nelle mie preparazioni è Impatiens!
    Ho partecipato al tuo Linky Party con un articolo che avevo scritto sulla cristalloterapia.
    Ciao, a presto
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serena, Impatiens e' uno dei primi fiori che ho usato! La mia saccenza mi rendeva impaziente nei confronti di chi non teneva il mio stesso ritmo.. povere le mie amiche che dovevano sopportarmi!

      Non ho mai approfondito il fatto di curare gli animali coi fiori, sono curiosissima!

      Elimina
  12. Ciao Alex!
    Li uso anche io da molto tempo, a volte ti fanno stare malissimo poi quando superi le fase iniziale e iniziano a funzionare, ti senti subito meglio. Abitualmente, inoltre, utilizzo la medicina omeopatica, che affiancata anche ai farmaci, mi aiuta a contrastare gli effetti collaterali delle cure.
    Davvero un toccasana!
    Bacione!!

    Eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di avere anche questa cosa in comune con te! A me non hanno mai fatto stare male, nemmeno all'inizio della cura. A te che effetto fanno appena inizi con un nuovo fiore? Un bacionissimo, cara eli!

      Elimina
    2. In genere acutizza i sintomi. Almeno su di me è così, ma è sintomo che la cura funziona. Lo stesso per l'omeopatia!
      Un bacione!!

      Eli

      Elimina
    3. Grazie per la risposta Elisa. Non mi era mai successo ma adesso so che puo' succedere anche quello! Grazie per aver risposto. Un bacione, Alex

      Elimina
  13. Cara Alex non posso non commentare questo post che mi tocca personalmente. Anch'io da anni uso i fiori di Bach suggeriti dall'erborista dove acquistavo prodotti vari e tisane visto che ero in un momento di grande stress (quando mai!!!). Ho subito acquistato anche un libro per saperne di più e risolti i miei problemi di allora. Però Rescue Remedy lo tengo sempre in borsa e nel comodino perchè è veramente formidabile. Quando ho avuto il primo attacco di panico notturno pensavo che fosse un infarto tanto forte era il dolore, solo che era nella parte destra e non a sinistra e questo mi ha messo in sospetto quindi mezza morta accendo il pc leggo e scopro che è un attacco di panico e i rimedi che ti indicano non è che siano bazzecole. Allora ho preso subito la boccettina magica di Rescue, 7 gocce sotto la lingua e dopo pochissimo tutto era passato e mi sono riaddormentata. Ho avuto varie altre volte attacchi di panico notturni e sempre ho risolto con i fiori di bach. Non capisco perchè i medici non li prescrivano al posto delle medicine visto che li vendono anche in farmacia e spesso li indicano nello scontrino come medicinali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah mamma! Io di attacchi di panico ne ho avuto solo uno e da sveglia! non posso nemmeno immaginare cosa si provi a svegliarsi nel bel mezzo di uno!

      Comunque Rescue e' una cosa eccezionale davvero! Sto cercando di farlo assumere a mio padre ma fino a che si tratta di Magnesio Supremo riesco a farglielo bere ma i fiori la vedo dura.... comunque vi terro' aggiornate! Bacioni, alex

      Elimina
  14. Eccomi ancora qua, grazie per questa iniziativa.
    Non ho mai usato i fiori di Bach anche se ne ho sentito parlare, generalmente ai rimedi naturali preferisco almeno nell'immediato i rimedi tradizionali perché danno risultati immediati, poi posso anche scegliere rimedi alternativi, ma non nell'urgenza.
    Per cui non avendo esperienza in merito ti metto un mio lavoretto di Natale
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  15. Ho conosciuto i fiori di Bach quando ero all'università (quindi ben 1999-2000!!!) quando ebbi la fortuna di lavorare, per pagarmi gli studi, come baby sitter del figlio stupenderrimo di una bravissima dottoressa allopatica, agopunturista e omeopata...provò a prescrivermi i Fiori (sono andata a rivedermeli sul sito perchè i nomi li ho rimossi), e ricordo fasi di agrimony, cherry plum, chestnut bud, oak, rock rose e sopra tutti Rescue Remedy (si capisce che mi ca***o parecchio sotto agli esami???), ma poco dopo lei studiandomi bene capì che ero più un tipo da fitoterapico (come regalo di laurea mi regalò l'encicolpedia delle erbe) e omeopatico (e lì sono rimasta fedele): macerati di betulla e di tiglio, soluzioni idroalcoliche di propoli a litri, spray alla propoli per maldigola non si contano, e poi con l'omeopatico ho curato le verruche (quelle piccoline, da stress) con Thuya 10 e 30 Ch, e poi ancora pastiglie e tisane di galega e semi di carvi e finocchio per aumentare la montata lattea...e ora a ogni stagione fredda le Cucciole vanno di vaccino omeopatico e collirio omeopatico per le congiuntiviti non batteriche (non so se si possono dire i nomi, sono della Boiron, non ho ancora ben capito le restrizioni che abbiamo in Italia nel farne pubblicità, tipo che se scrivo un post posso nominarlo e far vedere la foto o no?) ... anche se adesso per fortuna rimborsano anche quelli omeopatici (non so i Bach!) come i farmaci "normali"...un passo avanti! Insomma i Fiori di Bach ben conosciuti e poi presto abbandonati, anche se il sapore dei miei ultimi esami e laurea è quello dell'alcol diluito dei Fiori! Ne conservo un bel ricordo, tutto sommato quindi grazie per questo post che mi ha risvegliato delle buone memorie! Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow Daniela, tu si che hai una buona cultura di queste cose, sicuramente hai tanto da insegnarmi! Non so perche' non si possono dire i nomi delle medicine in italia, tipo.. adesso vado a vedermi la Boiron...

      Ne so qualcosa di fiori di Bach e esami all'universita'... per gli ultimi 10 e la discussione della tesi ho tenuto in mano la bottiglietta durante tutta la discussione!

      Per quanto riguarda il propoli, lo usavo come antisettico per il mal di gola ma anche come tonico durante questo periodo dell'anno quando iniziano i primi freddi. Da quando sono vegana non l'ho piu' toccato e in effetti devo ancora trovare un rimedio tanto efficace!

      Un bacione, Alex

      Elimina
  16. buona sera Alex e buona sera a tutte, ho sentito molto parlare dei fiori di bach, ma non li ho mai usati, ne avrei tanto bisogno con tutto lo stress che ho la mia pelle e i miei capelli ne risentono per di più sono anche allergica al nikel.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora fa un salto in erboristeria e fatti consigliare! In bocca al Bach!

      Elimina
  17. Alex su non mi fa rispondere qualche anno fa ho scritto una poesia: "Dove nascono gli inizi" era un concentrato di emozioni che legava il momento di passaggio dalla fine degli studi e il contatto con il mondo del lavoro, poi ho deciso di trasformarla in romanzo autobiografico raccontando ogni momento...ti lascio la poesia ;)

    Ricomporre tasselli,ho bisogno del verde per parlare di me.

    I guardiani del cielo hanno aperto il loro pesante cancello: tutti i desideri esauditi ad un passo da me....non sono più sicura di voler entrare.

    Da bambina case d'erba dentro campi di grano erano il mio caldo rifugio. Oggi tanti libri, come fili d'erba, proteggono la mia serenità.

    Narciso l'esteta ha sparso a piacimento colori sul mio viso.Dentro lo sguardo l'immagine riflessa, dietro il riflesso l'emozione sprigionata dal non trovarmi più.

    Il Maestro di Labirinti mi consigliava di rimanere crisalide: "La bellezza dell'anima si concede a pochi sguardi"

    Artemisia attrae e incanta, ma non lega a sè. Nonostante si rattristi Artemisia assorbe parole di luce: Nam myhoho renge kyo.

    Coincidenze rendono meraviglioso l'inatteso. Ho visto nodi verdi tra le trame del tuo tappeto preferito.

    Non è solo un odore, è un ricordo...difficile dimenticare il profumo del pane disperso tra le strade addormentate...difficile dimenticarne il sapore.

    Ricordo la brezza leggera, la musica lenta ma viva, la stella cadente veloce, nell'altare antico delle nostre radici,allora ho respirato la vita.

    Sono un tuo piccolo frammento. Leggo le mie storie attraverso le rughe, ancora dolci, del tuo viso.Ti ringrazio MADRE ARCOBALENO.

    La città bassa abbraccia il mare,sempre più definita dall'abitacolo di un ascensore,mi riempie la luce africana di un luogo che, ormai, fa parte di me!

    ...dove nascono gli inizi nuovi contatti si stemperano producendo anime fiammeggianti

    RispondiElimina
  18. Devo dire sono un po' scettica su queste cose, cioè non ho mai capito se sono efficaci per davvero o se ci si suggestiona soltanto...se potessi però proverei, è che sono allergica a un sacco di cose e ho molta paura a provare rimedi naturali (vedo sempre lo shock anafilattico dietro l'angolo!!!!)
    Ma ti devo dire che la lettura del libro per saperne di più un po' mi intriga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rama, ero scettica anche io, poi ho letto parecchio e ho scoperto che avevano i loro benefici effetti anche su piante, animali e bambini.
      Per loro non c'è la suggestione, non lo sanno se è medicina o placebo. Quindi mi sono convinta ed ho provato.
      (quelli per i bambini però non vanno diluiti nell'alcool!)

      Elimina
    2. Hai ragione Sabrina, i bambini e gli animali non sanno cosa sia l'effetto placebo eppure funzionano lo stesso.

      E poi tieni conto che un leggero effetto placebo esiste con tutti i rimedi, anche quelli chimici. La pastiglia per il mal di testa puo' metterci anche due ore per fare il suo effetto eppure appena ingoiata ci sembra quasi subito di stare meglio, no?

      Elimina
  19. I fiori di Bach non li ho mai usati, ma ho usato l'omeopatia per anni e mi sono sempre trovata benissimo!
    Niente rimedi naturali da linkarti, ma zucche morbidose!
    Un bacione!

    P.S. mandato mail con permalink e banner...

    RispondiElimina
  20. Ciao Alex!
    Io a differenza di molti non ho mai sentito parlare di fiori di Bach. Ma ora grazie a te posso dire di conoscerli.
    Ecco, è questa la bellezza dei blog: imparare, condividere, conoscere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'hai ragione Any! Comunque ti basta digitare 'fiori di bach' su Google per scoprire un sacco di roba! Ci sono davvero molti siti ad essi dedicati e molto completi.

      Buona ricerca!

      Elimina
  21. Bè mi sono ufficialmente incuriosita!!!!!
    Allora con il mio fedele Kobo ho iniziato a cercare, ho scaricato un libro sull'argomento e vediamo un po'...

    RispondiElimina
  22. Ciao Alex, da qualche anno mi preparo personalmente i mix di fiori di Bach che mi servono! Ho utilizzato spesso Holly(per la "chiusura del cuore") e chestnut bud (per imparare dai miei errori). A me piace molto il libro "Il grande libro dei fiori di Bach" di Nocentini e Peruzzi: è chiarissimo, utile ed anche interessante perchè per ogni rimedio fa anche dei riferimenti all'astrologia , alla riflessologia plantare e agli oli essenziali complementari. Per la tua scelta Barcellona o Italia, ti suggerisco: Scleranthus(molto valido quando si oscilla tra due posizioni), Cerato(ottimo per sbloccare l'indecisione) e Walnut ( per affrontare pienamente un importante cambiamento). Se poi ultimamente ti capita di avere qualcosa di particolare (es: foruncoli vistosi, piuttosto che fastidi in determinate parti del corpo), se vuoi puoi scrivermi specificando esattamente dove si collocano, così ti completo meglio il mix giusto per te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow Olga, ti ringrazio tantissimo per la tua prescrizione, sei davvero molto gentile. Nessun fastidio corporale, al momento sono solo tanto stressata per la malattia di mio padre ma sto cercando di rilassarmi, ffare molte pause e essere positiva.

      Ti ho aggiunta alle mie cerchie di Google Plus e volevo chiederti come mai non scrivi piu' sul blog da agosto. Ti sei gia' stufata?

      Comunque, se ti andasse di scrivere un bel post sui fiori di Bach da pubblicare qui su C'e' Crisi, sono interessata a pubblicarlo. Ti mando un bacione, alex

      Elimina
  23. i fiori di Bach non li ho mai usati pur avendone sentito parlare parecchio anche dalla mia erborista...però tanta omeopatia e oligoterapia, con quest'ultima sono riuscita a convivere 10 anni con Pina, la nostra gatta, pur essendo diventata fortemente allergica dopo la seconda gravidanza (cosa strana, vero?)
    Ti ringrazio per questo post perché sto vivendo un momento piuttosto pesante e penso che proverò i Fiori
    Niente post su rimedi naturali....già saltello di qua e di là........segnalo quindi qualcosa di diverso

    RispondiElimina
  24. Ciao Alex,
    anch'io adoro i rimedi naturali e ho provato i fiori di Bach trovandomi sempre bene tanto da non rimanere mai senza il suo "rimedio universale".
    Ho provato anche i fiori australiani che nelle situazioni "più critiche" hanno saputo darmi una mano in più.
    Ora vado a vedere tutto quello che mi sono persa in questo periodo....
    Un bacio
    Elisa

    RispondiElimina