C’è Crisi Consiglia SenzaNeuro.com – Barattare non è mai Stato così Facile



Ho da poco scoperto un nuovo sito di baratto che si chiama SenzaNeuro. Mi sono avvicinata a questa piattaforma gratuita dove chiunque può iscriversi e iniziare immediatamente a scambiare oggetti con gli altri utenti in pochi click e leggendo leggendo, ho fatto la conoscenza di due fratelli, Vincenzo e Andrea, che si dedicano anima e corpo a questo loro progetto.

Adoro questi ragazzi e visto che condividiamo alcuni valori fondamentali come il rispetto per l’ambiente e la convinzione che una società collaborativa sia molto meglio di una ‘aggressivo-lamentevole’ ho deciso di proporgli una breve intervista. 


Con questa breve intervista, mi auguro che conosciate meglio loro e il loro sito. Ma sentiamo insieme cos’hanno da raccontarci! 



Raccontatemi cos'è SenzaNeuro e come è nato il sito


SenzaNeuro è una piattaforma virtuale che permette, agli utenti registrati, di poter pubblicare annunci di oggetti da barattare in maniera semplice e gratuita. Il sito non richiede nessun canone per la registrazione e per il suo utilizzo e inoltre, nessun costo di inserzione per i singoli oggetti pubblicati. Oltre alla piattaforma del baratto comprende anche un blog dedicato principalmente ai rimedi naturali, all'alimentazione salutare e al fai da te.
 
Il nome «senzaNeuro» ha un doppio significato: il primo è dovuto dal fatto che il baratto non prevede alcun costo e quindi è possibile avere un nuovo oggetto senza spendere nemmeno un euro (senza 'n euro). Il secondo significato è legato, invece, al fatto che ci piacerebbe che il mondo intero usasse il cuore nelle scelte della vita, piuttosto che la mente e quindi senzaNeuro (senza neuroni).

Pensiamo che si possa arrivare davvero ad avere una società totalmente basata sulla collaborazione e  sul rispetto del pianeta e siamo convinti che la causa del malessere sociale dei nostri tempi sia da attribuire al «culto del superfluo», è questo il motivo che ci ha portato a lavorare per diversi mesi sullo sviluppo della piattaforma.



Chi c'è dietro al vostro sito?



Io e mio fratello (Vincenzo e Andrea), oltre ad aver avuto l'idea ed averlo realizzato, ci occupiamo dell'amministrazione del sito, della redazione degli articoli e della gestione delle pagine sui vari social network. Oltre a noi, lo staff comprende altre due persone che collaborano nella stesura degli articoli sul blog.



A chi si rivolge senzaNeuro?



SenzaNeuro è rivolto praticamente a tutti: dalla mamma che ha bisogno di nuovi vestitini per il proprio figlio e vuole disfarsi di quelli che non usa più al giardiniere che vuol barattare la sua prestazione lavorativa in cambio di alimenti sani e genuini.

Chi è che non ha in casa degli oggetti inutilizzati? Creare un archivio di oggetti da poter barattare gratuitamente può essere una risorsa per chiunque, specialmente in periodi di crisi come questo. 

Siamo consapevoli di non poter risolvere i problemi economici delle persone ma, allo stesso tempo, riteniamo che il primo passo debba essere quello di collaborare: senzaNeuro si rivolge appunto a tutti coloro che credono nel baratto come forma di collaborazione tra le persone.



Come funzionano gli scambi?



Gli utenti, dopo aver effettuato l'accesso al sito possono pubblicare gli annunci in pochi click, basta riempire i campi che il sito richiede. Riempire i tutti i campi non è obbligatorio ma è utile per poter creare una rete di baratti organizzata nel minimo dettaglio: inserendo il CAP nei filtri di ricerca, infatti, si possono creare delle microreti di baratto addirittura divise per quartieri, all'interno delle singole città. 

Dopo aver individuato l'oggetto che si desidera ricevere si può contattare l'inserzionista, tramite messaggio privato, per proporre uno scambio con i propri oggetti ed eventualmente, mettersi d'accordo sulle modalità di scambio.


In poche righe abbiamo cercato di descrivere lo spirito di senzaNeuro. Il sito non riceve nessun finanziamento, ma è nato solo grazie alla  collaborazione di un gruppo di persone che credono che le cose possano essere migliorate.

SenzaNeuro è comunque in continua evoluzione per quanto riguarda l'ottimizzazione delle funzioni, in modo da rendere il baratto quanto più semplice possibile.

Ti ringraziamo per il tempo che ci hai dedicato e ci rendiamo disponibili per eventuali collaborazioni future.

                                                                                       Vincenzo e Andrea di senzaNeuro


Le mie esperienze col baratto sono abbastanza varie ma ricordo con affetto certi swap party svolti in Irlanda quando qualcuno lasciava il paese. Ognuna portava degli oggetti e vestiti che voleva scambiare e si tornava sempre a casa con le borse piene zeppe. Io puntualmente arrivavo con una pensante valigia di libri. Solita guastafeste?


Che ve ne pare? Vi ha fatto venir voglia di provare a compiere il vostro primo baratto? Oppure siete già dei barter navigati? Qual’ é la vostra esperienza col baratto? Raccontate raccontate.... Alex

 

21 commenti :

  1. Corro a vedereeeeeee e a condividere....grazie Alex!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di essere passata, sapevo che poteva interessarti..

      Elimina
  2. Veramente interessante corro a vedere anche io!
    Grazie
    Baci
    Sara

    RispondiElimina
  3. interessante... vado a guardare dopo. Io personalmente quando ero in maternità a casa e quindi avevo più tempo libero. su FB ho trovato molto gruppi di scambio a cui mi ero iscritta e nel quale ho fatto scambi, più che altro di materiale per bambini. ma mi piacerebbe anche altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho notato durante le mie ricerche che gli accessori e vestitini per bimbi sono popolari tragli scambi! Io ti assicuro che ho scambaito di tutto, anche marmellate fatte in casa!

      Elimina
  4. liviinginmyhome.blogspot.it23/01/14, 17:36

    Interessante questo post.....lode a questi ragazzi , quando ci si mettono i giovani possono essere una preziosa risorsa per sè e per gli altri!!! Adesso corro a vedere!!
    Ciao a presto!
    Piera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Piera, questa intervista l'ho fatta apposta per dargli il credito che meritano!

      Elimina
  5. Interessante... io da poco ho invece scoperto Cose in-utili e dacchèson iscritta faccio baratti a go-go.Visiterò senz'altro questo sito perchè amo il baratto e voglio imparare a bastarmi del necessario... la strada è lunga ma sono a buon punto.
    Grazie della segnalazione ; )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, chi ben comincia e' gia' a meta' dell'opera! Mi fa piacere sapere che anche tu sei una barter. Buon baratto allora e continuiamo ad andare a go-go!

      Elimina
  6. eh eh io per ora baratto solo creazione con altre amiche blogger! Però il sito che hai segnalato è davvero interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia! Facci un pensierino, ok?

      Elimina
  7. Questi sono tempi ideali per entrare nell'ottica del baratto......magari ci fossimo arrivati prima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari il baratto non fosse mai stato sostituito dalla moneta....

      Elimina
  8. Molto interessante nell'ottica di fare un po' di decluttering a casa senza gettare cose che magari possono servire ad altri... così come i gruppi Facebook "te lo regalo, sono di città X", che aveva segnalato Koko in uno dei suoi ultimi post :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero verissimo! Ti sei iscritta anche tu al gruppo FB di Koko?

      Elimina
  9. corroooooo grazie mille . ciao cry68

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cry, devo passare a trovarti..

      Elimina
  10. Grazie della dritta, non lo conoscevo proprio, mi sembra molto, molto interessante
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina